Venerdì, Agosto 17, 2018
Articoli filtrati per data: Febbraio 2018
Martedì, 20 Febbraio 2018 17:38

AL VOTO, AL VOTO !!!

LOGO DEL PDF

Nella mia visione filosofica della Statistica nulla avviene per caso: finalmente possiamo andare a votare senza turarci il naso (come profetizzava il grande Indro Montanelli).
Era ora! Dopo un paio di legislature farlocche pilotate dalle ex potenze coloniali ( Francia, Gran Bretagna e Germania) e dalla finanza internazionale si torna a votare nella nostra amata Italia.
Inutile dire con quanto interesse si sta svolgendo questa campagna elettorale, e segno evidente dell’eccitazione è la formazione di nuovi partiti che sono riusciti a presentare simboli e liste in tutta Italia e quasi tutte indipendenti dalle aggregazioni multipartito che aspirano a conquistare la maggioranza dei seggi in Parlamento.


Infatti, le tante liste indipendenti che si presentano difficilmente saranno presenti nelle Camere, data la complessità della legge elettorale approvata a fine corsa dal Governo attuale con l’appoggio dei partiti tradizionali. E allora perché tanto coinvolgimento delle nuove formazioni politiche nella sfida elettorale se la posta in gioco è sì alta ma molto difficile da conquistare?
Molto dell’interesse di queste nuovi partiti e movimenti si gioca sul fatto che i grossi partiti che governano e hanno governato le nostre istituzioni, in molti casi, hanno dato prova di non essere all’altezza delle sfide che i territori e le popolazioni richiedono alla politica.
In particolare uno di questi movimenti politici nasce dalle importanti manifestazioni a favore della famiglia che in questi ultimi anni hanno visto la partecipazione di centinaia di migliaia di partecipanti, non solo cattolici ma anche laici che hanno a cuore i valori della nostra cultura occidentale cristiana. È da queste straordinarie occasioni di incontro sui valori che è nato il POPOLO DELLA FAMIGLIA, aggregazione politica che è riuscita a essere presente in tutte le circoscrizioni elettorali dell’Italia.


Si tratta di un Movimento nato da un’esperienza di un popolo di madri, padri, nonni, figli e nipoti, che preoccupati per il destino delle loro famiglie hanno deciso di non assistere passivamente alla rivoluzione antropologica che sta devastando la nostra Italia.
Queste donne e questi uomini, armati solo della fede nella difesa della vita, nella libertà di educazione e nella tutela della famiglia naturale come previsto dalla nostra Costituzione, hanno deciso di impegnarsi concretamente per proporre politiche a favore di quei principi, per tentare di arrestare le politiche mortifere approvate dal Parlamento in questi ultimi anni e per porre un argine alla “dittatura del pensiero unico” imposta dalle potenze internazionali che promuovono la dissoluzione dei valori umani e cristiani nei popoli della nostra Europa, una volta cristiana.


Il POPOLO DELLA FAMIGLIA, oggi, è l’unico partito che ha assunto in merito ai principi non negoziabili, cari a San Giovanni Paolo secondo a al Papa emerito Benedetto XVI, (vita, famiglia, educazione), una linea chiara, inequivoca e inflessibile. Tutti gli altri partiti hanno linee contrarie alla visione antropologica cristiana, in particolare tutta la sinistra dove militano i sedicenti cattolici adulti, i Cinque Stelle e altre formazioni minori di ispirazione vetero-marxista, mentre l’area moderata lascia libertà di coscienza, che sfocia nell’astensione o nell’assentarsi dall’aula al momento del voto.
Molti si stanno chiedendo cosa ci sia dietro all’adozione di leggi da parte degli ultimi due governi non eletti dagli elettori, così apertamente contrarie alla cultura diffusa nel popolo italiano.
Ebbene, è necessario un piccolo riferimento al ruolo della finanza internazionale e ai media da questa finanziati e supportati nella divulgazione dell’ideologia contraria alla famiglia naturale e favorevole a tutte le tipologie di famiglie omosessuali, all’ideologia del “Gender”, ovvero alla eliminazione dell’identità sessuale e con l’insegnamento scolastico che propone che non esiste più la distinzione tra maschio e femmina, all’ideologia della distruzione della vita quando fa comodo, dall’aborto in qualunque fase della gravidanza e all’eutanasia.


Ora, è necessario fornire qualche chiave di lettura di quanto si sta svolgendo sotto i nostri occhi in questo tragico momento storico dove viene divulgata l’ideologia del Nuovo Ordine Mondiale. Questa non è la sede, per ora, per sviluppare questo argomento, ma un invito lo faccio ai lettori di questo blog: documentatevi su quanto prevede il Piano Kalergi nel merito e troverete qualche spunto di riflessione. Certo giornali e televisioni non parlano di questo tema scottante ed è naturale, chi dirige e governa l’informazione deve stare al gioco di chi dirige il gioco.

immagine famiglia


Ma, ritornando al tema di questo articolo sulle elezioni e alle proposte del POPOLO DELLA FAMIGLIA si può evidenziare come l’obiettivo prioritario del partito sia tutta la legislazione sulla famiglia come nucleo fondante della società. Consolidare la famiglia vuol dire mettere in crisi i “poteri forti” cui fa comodo al posto della famiglia lo Stato mamma che decide su tutto quello che nella nostra cultura cristiana invece è riservato ai genitori. Ecco perché l’ultimo governo ha così tanto insistito sull’insegnamento dell’ideologia “Gender” nelle scuole, a partire dalla scuola materna. Perché così prepara i futuri cittadini ad essere vittime consapevoli di uno Stato che vuole tanti piccoli “robot” obbedienti e non cittadini consapevoli dei diritti e dei doveri previsti nella nostra costituzione.
Finalmente oggi tutte le persone amanti della nostra cultura occidentale cristiana, credenti e non credenti, hanno la possibilità di contribuire a recuperare quei valori che in questi ultimi anni hanno subito attacchi fortissimi per essere cancellati dalla legislazione del nostro Paese.


Al riguardo ritengo utile far conoscere un evento che si è realizzato di recente a Varese. Grande successo di pubblico per la serata organizzata dal Popolo della Famiglia di Varese che si è ritrovato con i candidati, militanti e simpatizzanti al Palace Hotel domenica sera per una serata molto particolare insieme al Segretario Nazionale del movimento Gianfranco Amato ed il cantante Giuseppe Povia.
Oltre 300 persone hanno assistito al format che come definito da Amato e’ un “infotainment all’americana ” che portano in giro ormai da più di un anno in cui si sono alternati l’avvocato ed il cantante in una conferenza unica nel suo genere.

Amato ha spiegato i cavalli di battaglia del movimento dall’importanza della Famiglia nella società alla teoria gender, mentre Povia ha cantato le canzoni che lo hanno reso famoso da “Vorrei avere il becco” vincitrice del festival di Sanremo, a “Dobbiamo salvare l’innocenza” scritta dopo aver ascoltato alcune conferenze di Amato in cui si parlava proprio della teoria gender per finire con la famosissima “I bambini fanno ooh”.

Concludo questo articolo mettendo in risalto come il POPOLO DELLA FAMIGLIA si sia consacrato formalmente alla Beata Vergine Maria con una celebrazione avvenuta il 16 maggio 2016 presso la Basilica di Santa Maria Maggiore in Roma.

Il sito del PDF è www.ilpopolodellafamiglia.it

Pubblicato in ATTUALITA' POLITICA