Venerdì, Agosto 17, 2018
Sabato, 25 Novembre 2017 16:34

L' attuale sistema economico non va combattuto, va, pacificamente, reso obsoleto -

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

 

Gli esperti della rete WORLD-LAB, dopo l’importante Convegno realizzato a Venezia sul tema “UN MODELLO DI SVILUPPO CRISTIANO PER UNA ECOLOGIA INTEGRALE, svoltosi nella giornata del 7 maggio 2017 e che ha visto la preziosa partecipazione di docenti universitari italiani e stranieri con relatori di istituzioni importanti come la Pontificia Università della Santa Croce, assessori regionali, membri di realtà associative operanti nella società civile, ha elaborato lo studio che segue per rendere fruibile a tutti la strategia che lo stesso World-Lab ha messo a punto per realizzare una alternativa praticabile alla “economia che uccide”. È importante sottolineare che il Convegno è stato patrocinato dall’UCSI del Veneto (Unione Cattolica della Stampa Italiana), e agli organizzatori è arrivata una lettera di incoraggiamento e di encomio da parte del Cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, Prefetto del Pontificio Consiglio per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

Fra i sostenitori del Capitalismo, oggi trionfante e dilagante nella sua forma sempre più prossima al suo stadio terminale, i più convinti, adepti del TINA (There Is No Alternative), scommettono sulla sua fatale egemonia su scala planetaria, salvo forse nelle aree islamizzate, quantomeno sul breve termine.
E questo, in quanto convinti dell'assoluta impraticabilità di ogni altro eventuale Sistema alternativo, concepito o concepibile, destinato perciò, per quanto desiderabile su carta, a restare mera utopia.
Essi dormono, perciò, sonni tranquilli.
Nel maturare tale convinzione essi sono stati indotti in errore dagli intellettuali del variegato mondo antagonista generalmente impegnati a produrre sofisticate analisi e che, nei rari casi in cui azzardano proposte, ben si guardano dal tener conto della loro concreta praticabilità, un tema indiscutibilmente centrale in ogni proposta, ma ancor oggi incredibilmente sottovalutato, quando non addirittura rimosso dagli intellettuali antagonisti.
Questi, di tutta evidenza, danno erroneamente per scontato (come, del resto, la stragrande maggioranza della gente) che ogni cambiamento (qualunque esso sia) possa aver luogo UNICAMENTE (!) combattendo (politicamente), seppur ad armi impari, lo “status quo” imposto dal Sistema vigente.
E cioè:
a) aprendo, preliminarmente, gli occhi alla gente con una informazione libera sulla necessità di un cambiamento (espresso da una breve lista di provvedimenti auspicabili),
b) adoperandosi con tutti i mezzi (libri, conferenze) per coalizzare un'aristocrazia di “risvegliati” in grado di elaborare un progetto politico condiviso, e tradotto nel programma di un Partito, articolato in pochi punti largamente condivisibili, anzi pochissimi punti larghissimamente condivisibili... al limite anche un solo punto unanimemente condiviso ( es. attuazione dell'Art.1 della Costituzione),
c) convincendo la “maggioranza” della gente a votare il Partito in questione, per andare al governo ed... attuare il programma

Credere nella viabilità di una tale sequenza, in un regime come l'attuale (che molti osservatori non esitano a definire, nei fatti, dittatoriale) è un pio desiderio, quando non una “pericolosa illusione” (copyright Papa Francesco). D'altronde, se così non fosse...si saprebbe!

Recentemente è però emersa una proposta “fuori dal coro” , formulata dal network informale di esperti World-Lab (W-L), che potrebbe non solo turbare il sonno dei menzionati adepti del TINA, ma trasformarsi per loro in un vero e proprio incubo, vissuto, però, in stato di veglia.
In effetti W-L sostiene, e in questo risiede l'originalità della sua proposta, che all'attuale “Economia che uccide” (copyright Papa Francesco), cioè un Sistema “Tutto Mercato Mondializzato e Finanziarizzato” si possa sfuggire ma che, per farlo, occorra battere una via apparentemente ambiziosa ma, in realtà, la sola percorribile .
Questa consiste, non tanto nel tentare di modificare il comportamento del Sistema vigente (il quale altro non fa che seguire la sua genetica e la sua morfologia: un leone non diventerà mai vegetariano), bensì nel dare avvio all'edificazione di un Sistema alternativo più favorevole all'uomo e alla natura (e destinato, ovviamente, a rendere obsoleto quello in vigore), cosa che si può fare senza seguire la sequenza a), b), c) menzionata.


Per meglio capire la novità dell'approccio, servendoci di una allegoria, immaginiamo l'uomo occidentale chiuso in una gabbia invisibile, ma reale, che si restringe continuamente limitando la sua libertà di movimento (capacità di auto-determinazione). Questa potrà sembrare un'allegoria azzardata dato che la propaganda di regime parla di una economia sempre più “libera e mondializzata”. Ma, per renderci conto che siamo in una gabbia, basta pensare che oggi, se uno vuole mangiare un uovo, è obbligato a recarsi in un supermercato e comprare un uovo “libero, mondializzato e, più o meno...avvelenato!”.
Riprendendo, dunque, la (fondata) allegoria possiamo dire che seguire la sequenza a), b) e c) equivale, al più, a battersi per “evitare che la gabbia si restringa ulteriormente” nell'intento di salvaguardare un minimo di auto-determinazione (ad esempio regolamentando un Mercato, che si vuole libero, attraverso l'apposizione di etichette sui prodotti con informazioni sulla data di scadenza e sul Paese d'origine: un uovo avvelenato ma... fresco e nostrano!).
Mentre, sempre seguendo l'allegoria, si può dire che W-L ha “aperto la porta della gabbia” che consente a chi lo vuole di godersi, seguendo quanto proposto da W-L, il massimo di libertà.
La proposta, assolutamente banale ma inedita, consiste nel ricorso alla cooperazione mutualistica per auto-produrre (produrre per sé) tutto ciò che conviene (!), a cominciare dai beni e servizi di prima necessità (contrariamente a quanto si pensa, o vien fatto credere, il gruppo umano che produce per sé, per soddisfare bisogni individuali e collettivi dei propri membri, non è solo la famiglia ma può essere anche un insieme di famiglie, associate in una Mutua, o addirittura la Collettività pubblica, di ogni livello geografico).


La proposta, perfettamente realizzabile (le Mutue non sono certo una novità, anche se finora si sono concentrate sui servizi previdenziali), lungi dal pretendere ambiziosamente di modificare il comportamento dell'attuale Sistema “Tutto Mercato Mondializzato e Finanziarizzato” (facendo in modo, ad esempio, che si “de-finanziarizzi” e/o si “de-mondializzi”) punta dritto ad una sua “de-Mercatizzazione” (dalla “produzione per terzi” alla “produzione per sé”) il che significa intervenire sulla sua morfologia al fine di dar gradualmente vita ad un Sistema alternativo, con meno Mercato e più auto-produzione e, di conseguenza, con un comportamento diverso... per sua natura (nell'auto-produzione vige la programmazione per produrre solo quanto richiesto evitando sprechi, la parsimonia per richiedere solo quanto necessario e l'attenzione alla salute umana e, conseguentemente, ambientale).


W-L, focalizzandosi non tanto sugli effetti ma sulla causa, propone dunque l'avvio di una metamorfosi dell'attuale Sistema.
Un Sistema nuovo, con meno Mercato, si realizza, ovviamente e come anticipato, affidando la gestione del circuito di produzione-consumo di una parte di Beni e Servizi, a Modalità di produzione-consumo basate su una logica (Paradigma) diversa da quella consistente nel “produrre per terzi” (Eteronomia) sulla quale si basa il Mercato. E qui non c'è scelta, in quanto la sola logica alternativa, ed opposta, alla precedente è quella che consiste nel “produrre per sé”, nota come auto-produzione (Autonomia).
Un Sistema che fa volutamente un largo ricorso all'auto-produzione (domestica, nella fattispecie) è, ad esempio, quello islamico che, per precetto religioso, impiega in questa Modalità, alternativa al Mercato, circa la metà (femminile) della forza lavoro nazionale. Ne consegue che gran parte dei Beni e Servizi di prima necessità, auto-prodotti a livello domestico, restano inaccessibili al Mercato.
Per capire come mai questo effetto sia voluto basta considerare che il Mercato è una Modalità di produzione-consumo, che è diretta filiazione della moneta (non potrebbe esistere senza di essa) ed è, altresì, condizionata da questa (la leva monetaria è un noto strumento di politica economica).


Occorre inoltre considerare che la moneta, da un lato, ha una natura immateriale e, dall'altro, è dotata di una vita propria.
Il che significa che, se la sua “materializzazione” (consistente nel crearla dal nulla ed inverarla, cioè trasformarla in credito esigibile) cade in mani “diaboliche”, può rendere il Mercato ipertrofico e debordante su ogni aspetto della vita umana rendendo l'uomo, tramite il Mercato, schiavo delle entità che l'hanno creata (denominate, con terminologia ecclesiastica, “sinagoghe di satana” da Papa Pio IX che probabilmente aveva in mente le logge “giudaico-massoniche” oggi denominate, in modo “politicamente corretto”, élite finanziarie).
Non a caso la moneta è stata profeticamente definita “sterco del diavolo” dal “progettista” del Sistema islamico il quale, avendo probabilmente riservato per sé e la sua discendenza il ruolo di “padrone del mondo”, l'ha combattuta e domata, da un lato, facendo argine al Mercato, suo cavallo di Troia, nell'ambito dei beni e servizi essenziali alla vita dandoli in gestione all'auto-produzione domestica (la quale riduce drasticamente l'uso della moneta confinandolo agli input di produzione provenienti da Mercato) e, dall'altro, limitando il potere di chi (sistema bancario) la crea e la presta (attraverso il precetto di condivisione di guadagni e perdite), impedendo (col precetto di abolizione dell'alea) sue appropriazioni indebite attraverso la speculazione parassitaria e, infine, impedendo (con il divieto dell'interesse sui prestiti) che la moneta generi sé stessa.


World-Lab propone dunque di dar gradualmente avvio ad un inedito Sistema economico il quale, pur comprendente una congrua dose di auto-produzione come l'Economia islamica, è ben diverso da questa, essendo, in particolare, compatibile con i principi cristiani (tra i quali la laicità dello Stato), e per questo denominato Economia cristiana, oltre che ben diverso, ovviamente, dalla ”Economia che uccide”, da cui è urgente uscire.
E' importante ribadire che la Modalità auto-produttiva da propagare, in graduale sostituzione del Mercato (anche se limitatamente agli ambiti economici, e non sono pochi, dove essa si dimostra non solo più performante di esso, ma ben più utile), non viene attuata né a livello domestico (come nell'Economia islamica) né tanto meno a livello pubblico (come nell'Economia collettivista), bensì a livello privato-sociale (mutualistico), cioè dai corpi intermedi espressione della società civile.
Da notare che l'inedita Economia cristiana cui W-L propone di dare avvio non è frutto di una intuizione “profetica” , come il Sistema islamico, ma è conseguenza di un recente sviluppo della Scienza economica (contenuto nel libro La Dignità delle Nazioni, Amazon.it, Giugno 2015), fino a quel momento incredibilmente... priva di basi!


In effetti il network Word-Lab, sull'onda di detto sviluppo scientifico, ha semplicemente dimostrato, che fra tutti i Sistemi alternativi concepibili, ottenibili da una matrice “generatrice dei Sistemi” da esso prodotta (vedi La Dignità delle Nazioni, da pag. 166), ce n'è solo uno, ad oggi inedito (tecnicamente denominato Tradizionale Dinamico Rigenerativo – TDR e, più semplicemente, Economia cristiana), che prevede una componente di auto-produzione attuata attraverso cooperative di utenza, e la cui edificazione può prendere avvio senza seguire la menzionata sequenza a), b) e c), cioè la via “politica”, ed è anzi, per giunta, irrealizzabile per tale via.
In effetti l'avvio della sua edificazione può avvenire solo seguendo una nuova sequenza, consistente in tre punti (diciamo A, B e C descritti qui di seguito), che sono alla facile portata della società civile .

dsl ppt
Va detto subito che il Sistema TDR, che può essere definito come una Economia solidale di mercato (oltre che, come detto, Economia cristiana, in quanto è largamente imperniato sui principi cristiani della solidarietà e la cooperazione e non solamente sulla competitività), oltre ad essere il solo Sistema alternativo realizzabile (realisticamente parlando) risulta anche, fortunatamente, agli antipodi rispetto all'attuale Sistema sotto i principali aspetti che toccano la vita della gente.
Il TDR prevede, infatti, la piena attività permanente, l'accesso generalizzato all'imprenditorialità in ambito individuale e/o collettivo e getta altresì le basi per la sostenibilità ambientale.
Ciò non sorprenderà in quanto, come già detto, l'attuale sistema è fondato sull'onnipresenza del Mercato, dove si produce per terzi, e che quindi si situa nel Paradigma dell'Eteronomia, mentre il sistema TDR ha una forte componente di auto-produzione la quale si situa nel Paradigma opposto dell'Autonomia.
Ed anzi il TDR prende forma proprio dalla diffusione di una Prassi standard, denominata Distretto di Sviluppo Locale (DSL), fondata sull'auto-produzione collettiva (di beni, tra cui quelli dell'agroalimentare la cui produzione viene così re-localizzata, e servizi di prima necessità) la quale, benché attuata all'interno di una cooperativa di utenza comprendente più famiglie (300 circa), è comunque calcata sullo schema dell'auto-produzione domestica.
Niente di più banale, insomma.
Il DSL, offrendo opportunità illimitate di lavoro (proprio come nell'auto-produzione domestica dove, volendo lavorare, basta rimboccarsi le maniche) e/o di acquisti vantaggiosi in termini di rapporto prezzo / qualità (dove, diversamente dal Mercato, il prezzo coincide con il costo di produzione e la qualità è accertabile), risulta attrattivo per le famiglie, sia per quelle che badano unicamente al loro interesse sia, a maggior ragione, per quelle che hanno a cuore la sostenibilità ambientale e vi possono contribuire... facendo il loro interesse (una strada in discesa).
Esso dunque, essendo standard ed economicamente viabile, può facilmente diffondersi e indurre una metamorfosi nel Sistema togliendo spazio al Mercato. In particolare quello occupato “abusivamente” con la complicità dello Stato che finanzia gli ammortizzatori sociali con le tasse dei produttori i quali, in tal modo, sembra che vendano ma, di fatto, “regalano” una parte della loro produzione a clienti resi artificialmente solvibili.
I prezzi di acquisizione praticati ai soci del DSL possono essere, a parità di qualità, sicuramente più bassi di quelli di mercato, nonostante l'esternalizzazione attuata dalle imprese del mercato di una serie di costi (associati ad esempio alle conseguenze ambientali dei trasporti implicati dalla concentrazione territoriale della produzione industriale propria al mercato) e che, seppur resi occulti, in ultima analisi ricadono sui cittadini consumatori (concorrenza sleale).
Questo in quanto le caratteristiche della cooperativa, artificialmente concepita, sono state fissate in modo da ottimizzare l'uso della risorsa, peculiare all'auto-produzione, costituita dal rapporto dialogico fra la domanda e l'offerta : il consumatore agevolando il produttore (ad esempio anticipandogli le intenzioni d'acquisto o concentrando gli acquisti in determinate fasce temporali e così via) agevola... sé stesso, diversamente da quanto avverrebbe sul mercato, dove produttore e consumatore sono soggetti terzi caratterizzati da interessi contrastanti che, nei settori (non tutti!) in cui vige in una qualche misura l'asimmetria informativa, ovviamente favorevole al produttore, si traducono in una proporzionale penalizzazione del consumatore.
Come detto, il DSL ha le caratteristiche che favoriscono la sua diffusione e quindi tende ad espandersi per contagio fino a dar luogo ad una “salvifica pandemia”, nessun efficace “vaccino” essendo ad oggi, per fortuna, disponibile.

I tre punti della nuova sequenza consistono :

A) Annunciare alla popolazione, attraverso un canale informativo libero ed indipendente, l'avvento imminente di un sistema economico “parallelo” all'attuale (e gradualmente sostitutivo nella misura e al ritmo liberamente scelto dalla gente) illustrandone le principali caratteristiche (quali la disoccupazione zero e la sostenibilità ambientale) e lanciare un appello per individuare sul territorio un Soggetto della società civile, sia esso individuale (ad es. una Parrocchia, trattandosi di realizzare una Economia cristiana, ma non necessariamente) oppure collettivo (una rete di associazioni locali), Patrocinatore della realizzazione (graduale, a cominciare dall'auto-produzione di un solo articolo, ad esempio il pane) di un Distretto di Sviluppo Locale pilota, cioè un prototipo da replicare ovunque richiesto (aree urbane “economicamente desertificate”).
L'attivazione dei punti successivi richiede la realizzazione di tale punto A, la durata della quale (un mese, un anno...oltre?) dà la misura della predisposizione sociale al cambiamento (una predisposizione destinata a crescere alla luce dei positivi effetti del DSL.

B) Accompagnare, attraverso il medesimo canale informativo, la realizzazione del DSL pilota attraverso azioni specifiche. Fra queste, il supporto alla raccolta, localmente organizzata, di risparmio e fideiussioni finalizzate, via la costituzione di un Fondo di investimento ad hoc, all'investimento relativo agli spazi attrezzati, di proprietà del Fondo, dati in affitto alla cooperativa operante nel DSL) e rendicontare l'evoluzione del DSL pilota (aggiornando un insieme prestabilito di parametri quantitativi accompagnati da brevi commenti).
La realizzazione del punto B cioè la messa a regime del DSL pilota, necessaria alla realizzazione del successivo punto C, farà molto parlare di sé (facilitando, in tal modo, la realizzazione del detto punto C ed, anzi, un suo successo “precoce”).
Essa potrà durare un paio d'anni. Possono sembrare tanti, ma c'è chi batte da una vita la via frustrante e senza uscita della “ politica” implicante la sequenza a), b) e c) e, pur vivacchiando impantanato nella realizzazione del punto a), non demorde e, come il moscone che vuole uscire dalla stanza, continuerà a sbattere contro il vetro della finestra (con grave danno per sé e per gli altri).

C) Organizzare un Movimento politico mirante al completamento del sistema TDR e del sistema sociale che ne consegue, denominato Civismo in quanto basato sulla cittadinanza attiva e sulla democrazia, per quanto possibile, diretta e, laddove possibile, generalizzata (dall'auto-produzione del pane all'auto-produzione delle leggi).

La diffusione del DSL porta già, di per sé, all'approdo ad un Sistema economico strutturalmente diverso da quello di partenza e caratterizzato da positivi effetti quali la piena attività permanente e la re-localizzazione di molte attività produttive. Essa getta però anche le basi per altri effetti positivi (quali ad esempio il passaggio, presso le imprese del mercato, dal sistema salariale a quello partecipativo e il graduale abbandono dello stile di vita consumistico), obiettivi il cui raggiungimento è sicuramente facilitato dalla politica. E' comunque evidente che la realizzazione del punto C, qui in questione, risulta relativamente agevole in quanto il programma politico risulta abbastanza evidente, e l'adesione della gente è facilitata avendo toccato quasi tutti con mano i vantaggi quali l'inserzione lavorativa e/o acquisti vantaggiosi che si traducono in un miglioramento nella qualità della vita. Ciò che risulta altresì facilitata è la scelta del livello amministrativo geograficamente più appropriato all'attuazione del programma in quanto essa emerge dal principio alla base del Sistema TDR consistente nell'individuazione del livello di massima auto-determinazione, da dismettere gradualmente in presenza di salti positivi in termini di convenienza (misurata dal rapporto qualità/prezzo oggettivamente quantificato), arrestando il processo al primo salto nullo o, a maggior ragione, potenzialmente negativo”.

E' così, ad esempio, che nel sistema TDR il pane, che può essere auto-prodotto anche a livello domestico, non coincidente però nonostante le apparenze con il livello di massima auto-determinazione in quanto la qualità degli ingredienti acquisiti sul mercato è totalmente fuori controllo (la farina stessa può provenire da un qualunque punto del pianeta dopo vicissitudini incontrollabili, quali lunghe giacenze, a scopo speculativo, nelle stive delle navi e relativi trattamenti chimici antimicotici), converrà auto-produrlo nel DSL punto di massima auto-determinazione in quanto l'intera filiera è sotto controllo del DSL stesso o, per gli ingredienti importanti, quali le farine, di qualche aggregazione di DSL adiacenti. Il passaggio ad un livello più ampio (auto-produzione di pane a livello Comunale o addirittura a livelli superiori, come nelle Economie collettiviste) va evidentemente evitata in quanto alla dismissione di auto-determinazione non farebbe seguito nessun vantaggio, anzi. I Servizi individuali di pubblica utilità (erogazione d'acqua, trasporti collettivi locali, rifiuti...) potranno essere auto-prodotti, ad esempio, da grandi cooperative di utenza di scala municipale, comunale o intercomunale, a seconda della dimensione dei Comuni, cioè attraverso una gestione privato-sociale di servizi. E questo, sia nel caso essi fossero precedentemente gestiti in forma pubblica (in questi casi si tratterà di una “privatizzazione” di tipo inedito) o in forma privato-individuale, dalla immancabile multinazionale (in tali casi si tratterà di una inedita “re-privatizzazione”). Da notare che in entrambi i casi i cambiamenti avranno luogo all'insegna di un accresciuto controllo sociale (democrazia diretta, senza intermediazione di Partiti). Venendo ai servizi collettivi, indivisibili e cioè erogabili obbligatoriamente alla collettività nel suo insieme (tipici i casi della difesa e dell'ordine pubblico) e quindi obbligatoriamente auto-prodotti, il livello amministrativo geografico ottimale risulta, anche per essi, facilmente identificabile oggettivamente.


Per quanto riguarda la difesa il livello nazionale (dove, sia detto per inciso, il servizio di leva, in una società Civista, è obbligatorio), va sicuramente superato. In Occidente, l'Unione europea appare di primo acchito il livello adeguato per i Paesi membri e cioè tale da garantire efficacemente la loro difesa senza per questo troppo perdere in termini di auto-determinazione (evitando di farsi trascinare in pericolose situazioni da partner extra-europei particolarmente bellicosi, non si sa mai... anzi si sa!).
Per quanto riguarda, invece l'ordine pubblico, la sua gestione può essere variamente distribuita in termini territoriali andando, in funzione delle esigenze locali, dalle ronde di vicinato alla polizia di quartiere, cantonale, federale, confederale, internazionale.
Per quanto riguarda invece i grandi insiemi dei beni industriali di consumo finale (automobili, elettrodomestici) nonché i beni intermedi (infrastrutture quali strade, vari input di produzione quali materie prime e macchinari, quale ad esempio una impastatrice impiegata nella produzione del pane, dato che il rapporto qualità/prezzo è più facilmente determinabile oggettivamente (attraverso le specifiche tecniche) rispetto alla farina o al lievito, risulterà sicuramente conveniente dismettere ogni auto-determinazione affidandosi al Mercato, fosse anche mondializzato.
Come si può ben capire, le varie “teorie politiche” impostate UNICAMENTE sul territorio e che privilegiano incondizionatamente (indipendentemente dalla tipologia di beni e servizi) il “piccolo” (Mille patrie), il “grande” (Mondialismo) o una pluralità di particolari aree geografiche (Multi-polarismo), paiono altrettante ideologie mal fondate.

Conclusione

Un canale informativo libero e indipendente, stanco di battersi nella realizzazione del punto a) della sequenza, comunque irrealizzabile, menzionata, e che sul piano del “posizionamento culturale” non ha ancora oltrepassato il punto di non-ritorno, può riciclarsi vantaggiosamente, continuando a praticare la sua attività informativa, oltretutto facendo l'effettivo interesse pubblico, impegnandosi nel punto A della nuova sequenza.
Il semplice annuncio, opportunamente dispensato, che un nuovo mondo è possibile attraverso la realizzazione di una inedita Economia cristiana (a patto di non puntare direttamente sulla politica ma preliminarmente sulla società civile e in vista di un sicuro ed immediato interesse individuale di chi aderisce), potrebbe già avere, fin da subito, riflessi positivi.


Inoltre, nella verosimile ipotesi della realizzazione con successo del punto A, il che significa aver identificato un adeguato soggetto non-profit, singolo (es. una Parrocchia) o composito (una aggregazione di associazioni locali), disposto ad assumere il ruolo di Patrocinatore della realizzazione di un DSL pilota sul suo territorio (il che si traduce nell'offrire ai propri iscritti e simpatizzanti la chance di divenire beneficiari dell'iniziativa senza rischi di alcun tipo), il detto canale informativo potrà legittimamente far parte, come portavoce ufficiale, e con una congrua quota sociale, del soggetto composito Attuatore (convenzionato con il soggetto Patrocinatore) alla creazione del quale esso ha contribuito: un consorzio di imprese for-profit il cui core business consiste nella fornitura di servizi di accompagnamento (finanza, architettura...) agli investitori, privati e pubblici, proprietari delle strutture produttive, distinte in Polo urbano e un Polo rurale, affittate (ad un canone compatibile con un ricorso al credito) alla cooperativa operante nel DSL.
La quale, come la famiglia auto-produttrice, essendo totalmente scevra dal fenomeno della mortalità d'impresa e delle “crisi” economiche che invece affliggono le imprese del mercato, rende l'investimento attraente e sicuro (nonché accessibile, per frazioni anche piccole, ai soci della cooperativa stessa e all'intera cittadinanza).

LA DIGNITA DELLE NAZIONI COPERTINAMANIFESTO DEL CIVISMO copertina

Letto 601 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Novembre 2017 16:08

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

News letter

Contattami