Sabato, Novembre 17, 2018
Giovedì, 29 Ottobre 2015 13:44

FOGLIE In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(12 Voti)

Qualche tempo, fa durante una pausa di lavoro presso l'Ospedale Umberto I° di Mestre, mi addentrai nel parco di Villa Querini, una delle residenze storiche della città, mi sedetti su una panchina sotto le fronde di un acero secolare, era d'ottobre e improvvisamente, come per magia, una pioggia di foglie colorate d'autunno mi avvolse provocando dentro di me un'emozione che più tardi misi su carta e che ora vi offro, sicuro che anche condividere quei sentimenti è poesia.

FOGLIE

Ho visto le foglie d’autunno

cadere nel sole

baciava la terra brumosa

il sole

il vento non c’era

e l’alito di vita ultimo

spirava  con la foglia

in quel cielo profondo

e bambini lontani

di grida empivano

quel vuoto di cielo.

Volevo essere una foglia

posarmi leggera sull’erba

tornare alla terra materna

sotto i raggi dell’ultimo sole.

Questa poesia si è classificata terza assoluta al Concorso Internazionale di Poesia "Premio Trasimeno" (Perugia) 5 agosto 2010.

FOGLIE CADENTI

Ecco il parco e l'acero vestito d'autunno

Letto 2469 volte Ultima modifica il Giovedì, 29 Ottobre 2015 14:02
Altro in questa categoria: « DEDICATA ALL'AMORE LUNA D'AUTUNNO »

9 commenti

  • Link al commento Manuela Giovedì, 05 Novembre 2015 20:39 inviato da Manuela

    L'autunno non è triste scrivevi in un'altra poesia e queste giornate limpide con il cielo azzurro e il sole splendente lo confermano. Riesci sempre a trasmettere emozioni forti anche nelle cose semplici che ci circondano, ma che non siamo più abituati ad apprezzare perché siamo sempre di corsa. Mi hai fatto tornare in mente una chiesa e prometto che la prossima volta che verrai a trovarmi ti porterò a visitarla. Qui un pittore negli anni '50 per fare gli affreschi sulle pareti si è ispirato ai colori autunnali, ha raccolto vari cesti di foglie e dai caldi colori ha fatto le sue opere. Un abbraccio a presto

  • Link al commento lorella Mercoledì, 04 Novembre 2015 13:27 inviato da lorella

    Grazie caro Gianfranco è bello fermarsi e riflettere, leggendo questa poesia...
    Un caro saluto.

  • Link al commento Lionella Domenica, 01 Novembre 2015 19:56 inviato da Lionella

    non posso commentare mi si scoppierebbe il cuore

  • Link al commento daniela Sabato, 31 Ottobre 2015 20:20 inviato da daniela

    i bambini... il vero alito della vita! Sentirli ridere o parlare è confidare nella speranza di un dolce "autunno!" Allora anche le foglie cangianti e cadenti sapranno suggerirci bagliori di allegria!
    bravo!
    daniela

  • Link al commento Gilberto Paggiaro Venerdì, 30 Ottobre 2015 23:50 inviato da Gilberto Paggiaro

    Carissimo dr.Gianfranco..complimenti, bellissima poesia!
    FOGLIE.
    Ho visto le foglie d’autunno...sotto i raggi dell’ultimo sole.
    (A me è piaciuta molto).
    Un caro saluto. Gilberto Paggiaro

  • Link al commento cesaremaria.glori Venerdì, 30 Ottobre 2015 18:39 inviato da cesaremaria.glori

    Grazie caro Gianfranco. Sei più convincente di Ungaretti che guardava alle foglie d'autunno con pessimismo e amarezza. Tu hai saputo trovare nel cadere delle foglie la fine di un ciclo della vita ma non della vita.

  • Link al commento Sergio Talin Giovedì, 29 Ottobre 2015 21:31 inviato da Sergio Talin

    Beato Lei che sa "trasportare" su carta questi paradisiaci momenti di vita su questa valle di lacrime ........Chissà quanti altri ne provano poesia....., ma ci mancano: "carta, penna e ......" (mai però come l'asino menzionato dal Carducci....) A incontrarci per condividere assieme questo autunno che ormai si sta inoltrando.......

  • Link al commento Michela Giovedì, 29 Ottobre 2015 19:19 inviato da Michela

    Grazie Gianfranco, mi ha fatto molto piacere leggerti. L'autunno è una stagione così tristemente colorata... dà senso alle vie di mezzo, alle situazioni di passaggio.
    Un caro saluto,
    Michela

  • Link al commento Giovanni Giovedì, 29 Ottobre 2015 15:03 inviato da Giovanni

    È davvero una bellissima poesia con tanti punti di vista da cui guardarla. Soprattutto dà l'idea che non esiste mai una fine ma tanti nuovi inizi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.